Bonus per partite Iva, cassa integrazione: le misure per lavoratori e aziende. Come richiedere gli aiuti

Bonus per partite Iva, cassa integrazione: le misure per lavoratori e aziende. Come richiedere gli aiuti

Spread the love

Bonus e cassa integrazione

Dall’indennità dei 600 euro per i lavoratori autonomi e le partite Iva alla cassa integrazione per tutte le imprese, si moltiplicano le misure per aiutare il mondo del lavoro sempre più colpito dall’emergenza Coronavirus. Viene anche prorogato di 60 giorni il termine per chiedere l’indennità Naspi e la disoccupazione. Non solo. Le domande respinte perché scadute saranno invece riesaminate.

Partite Iva, niente click day, c’è un modulo

Non ci sarà alcun click day. Per ricevere l’indennità dei 600 euro prevista dal decreto Cura Italia, ad autonomi, liberi professionisti con partite Iva, lavoratori co.co.co. basterà compilare una normale domanda sul sito dell’Inps (www.inps.it). I moduli, fa sapere l’istituto, saranno disponibili online a partire dalla fine del mese di marzo. Sfuma così l’ipotesi — molto criticata — di un «click day» per accedere alle domande per poi ottenere il sussidio di 600 euro. L’indennità riguarda anche artigiani, commercianti, coltivatori diretti, coloni e mezzadri, lavoratori agricoli a tempo determinato, lavoratori del turismo e per stabilimenti termali. Forse verrà estesa anche ai balneari. L’importante, sottolinea l’Inps, è che non siano già titolari di una pensione. Naturalmente non potrà chiedere i 600 euro chi già riceve il reddito di cittadinanza.

Cig: un pacchetto di 9 settimane fino ad agosto

Cassa integrazione ordinaria o in deroga e assegni ordinari. Il Cura Italia prevede anche questi sostegni per le aziende in difficoltà dall’emergenza del coronavirus. Dall’industria all’artigianato, tutti potranno far domanda all’Inps per i periodi tra il 23 febbraio e il 31 agosto 2020 per una durata massima di 9 settimane. Le procedure telematiche, fa sapere l’Inps, saranno «a disposizione nel più breve tempo possibile». Bisognerà inserire la causale «Covid-19 nazionale» e l’azienda dovrà solo presentare l’elenco dei lavoratori beneficiari, senza alcuna relazione tecnica. La domanda potrà essere fatta anche se le aziende hanno già presentato un’altra domanda. Vengono spostati anche per i lavoratori i termini di pagamento a loro carico già previsti per i datori di lavoro.

Proroga 60 giorni per chiedere Naspi e disoccupazione

Sessanta giorni di proroga per chiedere l’indennità Naspi, la disoccupazione collaboratori e quella agricola. Anche questo è previsto dal decreto Cura Italia per sostenere i lavoratori che hanno perso il lavoro tra il primo gennaio 2020 e il 31 dicembre 2020. La proroga di 60 giorni quindi amplia fino a 128 giorni il termine dalla data di cessazione involontaria del rapporto di lavoro entro cui chiedere le indennità . Non solo. Le domande che erano state respinte perché arrivate oltre i termini di scadenza, saranno invece riesaminate d’ufficio.

Stop a slot e lotterie a estrazione

Stop a Lotto, Superenalotto e slot machines. L’Agenzia Dogane e Monopoli ferma tutto. Una stretta che intende ridurre le presenze nelle tabaccherie e quindi le possibilità di ulteriori contagi del virus Covid 19. Cosi già da oggi non si potrà più giocare «con dispositivi elettronici del tipo slot machines, oltre allo stop per Superenalotto, Superstar, Sivincetutto Superenalotto e Lotto tradizionale dal termine dei concorsi di sabato 21 marzo 2020». Stop anche all’Eurojackpot con sospensione estesa anche alla raccolta online. Sospese da stamattina anche tutte le scommesse «che implicano una certificazione da parte del personale dell’Agenzia Dogane e Monopoli». Lo stop, ha spiegato il direttore dell’Agenzia Marcello Minenna, sarà valido «per il perdurare dello stato di emergenza».

Da: corriere.it

www.uglmantova.it

Leave comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *.